Centro di Coordinamento degli Enti Territoriali Forum per la Società dell'Informazione Barra del titolo
 
Piano 2000
Documento 1999
 
Gruppo di lavoro
Segnalazioni stampa
Statistiche
 
   
 
  Mappa del sito

      Curiosità Novità  
   
 Piano 2000 - Accessibilità alle informazioni della P.A.
 
  Barra lateraleCompetenze e referentiForma organizzativaObiettiviAttivitàBudget 2000Consuntivo 1999

 

Ci sono molti motivi per porsi il problema dell'accessibilità delle informazioni e dei servizi di rete della Pubblica Amministrazione, a cominciare dai servizi informativi già disponibili, per quanto ancora relativamente limitati.

In questa sede, per adesso, intendiamo limitare le questioni dell'accessibilità all'insieme dei problemi da affrontare per rendere l'informazione pubblica offerta fruibile alla parte più grande possibile dei potenziali utenti.

Sull'argomento è avviata un'importante iniziativa del World Web Wide Consortium, denominata Web Accessibility Initiative, da cui queste pagine prendono spunto. Segnaliamo inoltre che in Italia c'e' in corso una sperimentazione concreta da parte del CSA Forte Prenestino per discutere (e documentare) proposte sull'accessibilità delle risorse Web. Per questo il CSA ha aperto un apposito sito ed una lista di discussione, che segnaliamo qui perché riteniamo che il problema dell'accessibilità delle informazioni (da tutti i punti di vista) sia il cuore del rapporto fra i cittadini e lo Stato, nelle sue varie forme.
L'uso dei Web si sta diffondendo rapidamente a numerosi settori della società civile ma ci sono ancora molte barriere per vari tipi di disabilità, che affliggono un numero di persone molto alto, mentre alcuni servizi devono essere accessibili soprattutto ai meno fortunati, pena il rischio di aumentare la separazione, l'isolamento e l'impoverimento, anche culturale.

La tecnologia della rete e dei Web è quella sviluppatasi più rapidamente nella storia. Tra le fonti informative "tradizionali" (scuole, biblioteche, materiali a stampa, ecc.) alcune sono accessibili a tutti e altre invece no. Il Web sta diventando una risorsa chiave, anche se qualche volta inaccessibile, per: notizie, informazioni, commercio, divertimento, formazione scolastica, formazione a distanza, ricerca di lavoro, interazione professionale, partecipazione civile alla "cosa pubblica".

Un Web accessibile significa fornire una capacità di accesso senza precedenti a quelli che finora hanno subito molte limitazioni.

Un Web può presentare barriere a diversi tipi di problemi: di vista (grafici o immagini video senza etichette descrittive, tabelle illustrate sommariamente, scadente compatibilità con sistemi vocali di lettura); di udito (difficoltà sui sistemi audio o proliferazione di testi senza supporto video); di movimento (ruolo eccessivo della tastiera o menù di comandi a tendina troppo sensibili); di capacità cognitive e di competenze (strutture di navigazione poco solide, presentazioni e linguaggi troppo complessi, mancanza di materiali illustrativi non testuali).

In realtà questo vale anche se non ci si occupa del problema della diffusione via web ma semplicemente della possibilità che un atto pubblico sia comprensibile ai più.

Una buona parte della popolazione soffre in varia misura di disabilità (in senso ampio), soprattutto se si pensa che l'età media si sta alzando e che l'avanzare dell'età contribuisce ad affievolire l'insieme delle capacità di vista, udito, destrezza e elasticità di memoria. Poche organizzazioni possono ignorare deliberatamente questa parte di popolazione per rivolgersi solo al proprio target selezionato.

Sicuramente non può farlo la Pubblica Amministrazione.

Sempre in tema di accessibilità proponiamo una nostra breve riflessione sui siti delle Regioni italiane, analizzando i quali si vede ben chiaro che il problema è ignorato praticamente da tutti.

Come contributo alla diffusione della tematica e per solleticare l'attenzione dei webmaster e dei loro dirigenti, forniamo qui un nostro contributo originale tratto dai lavori del webmaster di questo sito.

Affrontare i problemi dell'accessibilità ha conseguenze dirette sulla progettazione "universale" (cioè per qualunque utente):

  • La multimodalità di fruizione (supporto per accesso audio, video e tattile) può essere utile a chi usa telefonia cellulare (video piccoli e di scarsa risoluzione) o accessi via Televisione o chioschi, così come aumenta le capacità di accesso in situazioni diverse, come per esempio qualora non fosse disponibile una banda trasmissiva ampia (tipico degli accessi in via commutata) o in ambienti rumorosi (dove l'audio si perde), o con schermi poco definiti o guidando una vettura (mani e occhi occupati).

  • La ridondanza audio/video/testo supporta bene differenti stili di apprendimento: in particolare verso persone con un basso livello di scolarità o verso chi ha una lingua madre diversa da quella per cui è progettato il sistema informativo.

  • L'uso di fogli di stile rende più efficiente la trasmissione di pagine e l'aggiornamento del sito, così come la descrizione dei files audio favorisce la costruzione di indici significativi e accelera la ricerca dei contenuti.

L'accessibilità dei siti pubblici è molto spesso un requisito stringente derivato direttamente da scelte di politica anti-discriminatoria. In molti paesi esistono standard o prese di posizione governative molto precise sia per i siti di Stato che per quelli degli Enti territoriali. In Italia c'è ancora qualcosa da fare.

Il problema dell'accessibilità, quindi, deve essere affrontato, approfondendone ed estendendone il significato, sia in termini tecnici (strumenti per ridurre le barriere"architettoniche") sia, contemporaneamente, in termini di significatività e fruibilità dei contenuti informativi proposti dia siti.

Quindi:

  • Usare strumenti tecnici adeguati per la produzione di siti o, più in generale, per la realizzazione di applicazioni anche non strettamente web based. L'idea generale è:

    1. Adeguarsi e mantenere gli standard definiti dalla W3C's Web Accessibility Initiative;

    2. Studiare e sperimentare il linguaggio XML e gli strumenti collegati (editor opportuni);

    3. Eseguire controlli formali attraverso meccanismi pseudo automatici (come per certi versi fa già Bobby);

    4. Verificare strumenti per generare pagine utilizzabili con canali di accesso di natura diversa dal web standard (WAP, voce).

  • Progettare una base informativa significativa (con una opportuna scelta degli argomenti e delle argomentazioni per non riempire i siti di cose inutili o incomprensibili), affrontando il problema di:

    1. Rifare i sistemi informativi (o comunque adeguarli ed aprirli) in modo che possano produrre informazioni accessibili via web;

    2. Scegliere oculatamente i dati e le informazioni da rendere disponibili in funzione degli utenti già interessanti o da coinvolgere.

  • Individuare gli strumenti ausiliari interessanti per:

    1. La guida all'interrogazione con software speciale (es. IR Normeinrete), che non significa un qualsiasi motore di ricerca testuale (chiunque si sia interessato di Information Retrieval sa bene che una ricerca testuale ha poco significato sia in termini di recall che di precision. La storia dell'IR è piena di aneddoti in merito);

    2. Gli strumenti cognitivi opportuni (thesauri guidati in termini di tassonomie, come il TESEO del Senato o non strutturato ma significativo semanticamente come CED Cassazione);

    3. Le interfacce grafiche dinamiche (Brain) capaci di visualizzare i contorni semantici e la rete dei termini correlati al focus.
  •  

    Il tutto diventa assai significativo se è collegato ad una ricostruzione del ciclo produttivo dell'informazione che leghi strettamente la produzione di documenti (in senso lato, anche dati fattuali) alla produzione della loro descrizione, integrando gli approcci diversi attualmente in uso, che sono tutti notevoli ma ovviamente tutti di parte: XML@, AIB, DFP, Cartografi, REMSBOOT, …

    Cercheremo, su questo filone, di dare un contributo significativo a recuperare quanto (molto!) fatto finora in ambito specialistico per "renderlo ordinato" suggerendo forme di produzione (e di fruizione) dei dati della PA, anche per contribuire alla definizione di un portale che non sia una bovina collezione di link poco significativi ma un insieme di regole di comportamento (adesione volontaria!) seguendo le quali la possibilità di individuare ed accedere ai dati ed alle informazioni sia facilitata.

    La gestione dei metadati guidata da thesauri o elenchi strutturati serve sia a facilitare gli autori che a guidare i lettori nella ricerca.

    Ma in una qualunque struttura organizzativa (per esempio una Pubblica Amministrazione) questo è possibile solo se:

  • la gestione non è aggiuntiva rispetto al ciclo produttivo normale dell'informazione;

  • il sistema di classificazione non ha pretese universali (stile Classificazione Decimale universale) ma è sufficientemente semplice e flessibile per adattarsi nel tempo;

  • gli strumenti informatici non sofistichino troppo l'approccio al problema, cosa che rischia di spostare l'attenzione degli autori dai contenuti del "documento primario" che sta costruendo a riflessioni metafisiche sull'essenza del dato;

  • gli strumenti di ricerca (per quanto sofisticati) tengano conto del periodo di training che tutti gli utenti devono fare (se e quando possono).

Varrebbe la pena di sperimentare un sistema di produzione di testi di delibere (o di normative) che guidi l'utente/autore nella costruzione sia del testo in sé che della sua descrizione e che garantisca, con opportuni schemi predefiniti (XML et similia), la capacità dei web di interpretare ed offrire ai motori di ricerca informazioni (pointers) effettivamente utili.

Si conferma però anche l'importanza di progettare motori di ricerca adeguati alla complessità del problema (per esempio Normeinrete, che è in corso di sviluppo) soprattutto per le capacità e le garanzie di ranking dei documenti.

 

 

(pagina aggiornata al 14.07.2000)

 
   
   
 
Cornice di chiusura