Centro di Coordinamento degli Enti Territoriali Forum per la Società dell'Informazione Barra del titolo
 
Piano 2000
Documento 1999
 
Gruppo di lavoro
Segnalazioni stampa
Statistiche
 
   
 
  Mappa del sito

      Curiosità Novità  
   
 Piano 2000 - Accessibilità alle informazioni della P.A.
 
  Barra lateraleCompetenze e referentiForma organizzativaObiettiviAttivitàBudget 2000Consuntivo 1999

 

A proposito di accessibilità dei siti pubblici

A proposito di accessibilità dei siti pubblici, proponiamo qui alcune osservazioni derivate da una rapida indagine che abbiamo condotto nei giorni scorsi (tra il 15 e il 21 giugno 2000) sull'accessibilità dei siti delle Regioni Italiane.

Le osservazioni che abbiamo fatto hanno usato come griglia di riferimento i punti di controllo che sintetizzano le Linee guida per l'accessibilità ai contenuti dei web del W3C, cui abbiamo aggiunto una sintetica analisi degli strumenti che vengono utilizzati dai webmaster addetti per costruire o aggiornare la home page e la verifica della disponibilità (preferibilmente sulla home page stessa) una casella di email cui mandare un messaggio, presumendo che anche se l'utilizzo di strumenti professionali non da' di per sé garanzie particolari sulla qualità né sull'accessibilità, comunque è un indice di una qualche attenzione al problema.

L'indagine è stata eseguita visitando direttamente tutte le home page dei siti e facendole analizzare da CAST Bobby 3.1.1 e da W3C HTML Validation Service.

Non diamo alcuna valutazione, invece, sulla velocità di accesso ai singoli siti perché la questione potrebbe dipendere da molte cose come, per esempio, lo stato della rete nel momento della connessione.

Peraltro la presenza di un'enorme quantità di apparati grafici, non sempre giustificati dall'esigenza di comunicare ma più spesso causati dalle ansie tipiche dei neofiti della comunicazione, fanno pensare che il problema della velocità non sia quasi mai la rete ma piuttosto la disattenzione all'utente da parte di chi produce quelle pagine, poiché sembra avere in mente solo i propri strumenti e sembra non curarsi del fatto che l'utente (potenziale) non sempre utilizza apparati all'ultimo grido e spesso paga di tasca propria il tempo di connessione.

L'indagine si è limitata, per ora, ai punti di controllo classificati di Priorità 1, che sono quelli a cui lo sviluppatore di contenuti Web deve conformarsi, perché, se non lo fa, è certo che a una o più categorie di utenti viene precluso l'accesso alle informazioni presenti nella pagina.

Per completezza dell'informazione riportiamo qui i punti di controllo utilizzati:

  1. Fornire un equivalente testuale per ogni elemento non di testo (per esempio, mediante "alt", "longdesc" o contenuto nell'elemento stesso).
  2. Assicurarsi che tutta l'informazione veicolata dal colore sia disponibile anche senza.
  3. Identificare con chiarezza i cambiamenti nel linguaggio naturale del testo di un documento e in ogni equivalente testuale (per es. nelle didascalie).
  4. Organizzare i documenti in modo che possano essere letti senza i fogli di stile.
  5. Assicurarsi che gli equivalenti del contenuto dinamico vengano aggiornati quando il contenuto dinamico cambia.
  6. Fino a quando gli interpreti non permetteranno agli utenti di controllare lo sfarfallìo, evitare di far sfarfallare lo schermo.
  7. Usare il linguaggio più chiaro e semplice possibile che sia adatto al contenuto di un sito.
  8. Fornire ridondanti collegamenti di testo per ogni zona attiva di una immagine sensibile sul lato server.
  9. Fornire immagini sensibili sul lato client invece di immagini sensibili sul lato server, con l'eccezione dei casi nei quali le zone non possono essere definite con una forma geometrica valida.
  10. Per tabelle di dati, identificare le intestazioni di righe e colonne.
  11. Per tabelle di dati che hanno due o più livelli logici di intestazioni di righe o colonne, usare marcatori per associare le celle di dati e le celle di intestazione.
  12. Dare un titolo a ogni frame per facilitare l'identificazione del frame e la navigazione.
  13. Assicurarsi che le pagine siano utilizzabili quando script, applet, o altri oggetti di programmazione sono disabilitati oppure non supportati. Se questo non è possibile, fornire informazione equivalente in una pagina accessibile alternativa.
  14. Fino a quando gli interpreti non potranno leggere automaticamente ad alta voce l'equivalente testuale di un filmato, fornire una descrizione audio delle informazioni essenziali del filmato di una presentazione multimediale.
  15. Per ogni presentazione multimediale temporizzata (per es. un film o una animazione), sincronizzare alternative equivalenti (per es. didascalie o descrizioni parlate del filmato) con la presentazione.
  16. Se, nonostante ogni sforzo, non si può creare una pagina accessibile, fornire un collegamento a una pagina alternativa che usi le tecnologie W3C, sia accessibile, contenga informazioni (o funzionalità) equivalenti, e sia aggiornata con la stessa frequenza della pagina (originale) inaccessibile.

Dalle verifiche compiute risulta una amara quanto nota verità: NESSUNO dei siti delle Regioni si attiene ai criteri suddetti.

 

Ente Indicazioni principali
Bobby
W3C
Abruzzi Pagina composta da 4 istanze di frame, tutte senza titolo
No
No: manca DOCTYPE
Basilicata Home: Mancano descrizioni significative alle immagini (ma comunque qualcosa c'Ŕ)

Pagina Bandi: 5 istanze di frame, tutte senza descrizione

Pagina Informazioni: 47 punti in cui sarebbe necessario un intervento. Tutti per mancanza di "ALT" o una qualche forma di descrizione del contenuto delle immagini

Si


No


No

No: manca DOCTYPE
Calabria Pagina composta da 2 istanze di frame senza descrizione

Pagina introduttiva: 10 punti in cui sarebbe necessario un intervento. Tutti per mancanza di o una qualche forma di descrizione del contenuto delle immagini

No



No
No: manca DOCTYPE
Campania Pagina composta da 2 istanze di frame senza descrizione

Pagina di presentazione: 10 punti in cui sarebbe necessario un intervento (1 Applet e 9 immagini). Tutti per mancanza di "ALT" o una qualche forma di descrizione del contenuto
No


No
No: manca DOCTYPE
Emilia Romagna Pagina composta da 2 istanze di frame senza descrizione

Pagina principale: 104 punti in cui sarebbe necessario un intervento per mancanza di "ALT"o comunque di qualche forma di descrizione
No


No
No: manca DOCTYPE
Friuli Venezia Giulia Pagina composta da 6 istanze di frame senza alcuna descrizione

Pagina news: 14 punti in cui sarebbe necessario un intervento per mancanza di "ALT" o comunque di qualche forma di descrizione
No


No
No: manca DOCTYPE
Lazio Pagina composta da 2 istanze di frame senza descrizione

Pagina PAGE: 30 punti (1 APPLET e 29 tra tabelle e immagini) in cui sarebbe necessario un intervento per mancanza di "ALT" o comunque di qualche forma di descrizione
No


No
Document type: unknown
Liguria Pagina composta da 16 istanze di frame senza descrizione
No
No: manca DOCTYPE
Lombardia Pagina composta da 3 istanze di frame senza descrizione
No
No: manca DOCTYPE
Marche Pagina composta da 3 istanze di frame senza descrizione
No
No: manca DOCTYPE
Molise Pagina composta da 2 istanze di frame senza descrizione

Pagina rm_indice1: 7 punti in cui sarebbe necessario un intervento per mancanza di "ALT" o comunque di qualche forma di descrizione
No


No
No: manca DOCTYPE
Piemonte 69 punti in cui sarebbe necessario un intervento per mancanza di "ALT" o comunque di qualche forma di descrizione
No
No: manca DOCTYPE
Puglia Pagina composta da 3 istanze di frame senza descrizione

Pagina MAIN: 14 punti in cui sarebbe necessario un intervento per mancanza di "ALT" o comunque di qualche forma di descrizione
No


No
No: manca DOCTYPE
Sardegna Pagina 20 punti in cui sarebbe necessario un intervento per mancanza di "ALT" o comunque di qualche forma di descrizione
No
Non riconosciuto HTML 2.0
Sicilia 138 punti in cui sarebbe necessario un intervento per mancanza di "ALT" o comunque di qualche forma di descrizione
No
No: manca DOCTYPE
Toscana 36 punti in cui sarebbe necessario un intervento per mancanza di "ALT" o comunque di qualche forma di descrizione
No
No: manca DOCTYPE
Trentino Alto Adige 8 punti in cui sarebbe necessario un intervento per mancanza di "ALT"o comunque di qualche forma di descrizione
No
No: manca DOCTYPE
Umbria 47 punti in cui sarebbe necessario un intervento per mancanza di "ALT" o comunque di qualche forma di descrizione
No
No: manca DOCTYPE
Val d'Aosta 48 punti in cui sarebbe necessario un intervento per mancanza di "ALT" o comunque di qualche forma di descrizione
No
No: manca DOCTYPE
Veneto 27 punti in cui sarebbe necessario un intervento per mancanza di "ALT" o comunque di qualche forma di descrizione
No
No: manca DOCTYPE

Dalla nostra verifica sugli strumenti risulta che:

Ente

Strumenti

casella di email

Abruzzi

Microsoft FrontPage 4.0

Staff

Basilicata

Microsoft FrontPage 4.0

Webmaster

Calabria

Adobe PageMill 2.0 Win o MacroMedia Flash

No

Campania

Microsoft FrontPage 4.0

Presidente regione

Emilia Romagna

Microsoft FrontPage 3.0

Webmaster

Friuli Venezia Giulia

?

No

Lazio

Netscape 4.5 (W3C)

Webmaster e urp

Liguria

?

(solo sulla mappa del sito)

Lombardia

Microsoft FrontPage 4.0

No

Marche

Microsoft FrontPage 3.0

No (solo via apposito form)

Molise

?

No

Piemonte

Adobe PageMill 3.0 per Windows

Non sulla home page, ma rimanda a pagina apposita

Puglia

Microsoft FrontPage 4.0

No

Sardegna

Microsoft FrontPage 4.0

No se non via apposito form

Sicilia

Microsoft FrontPage 3.0

Webmaster

Toscana

?

No

Trentino Alto Adige

Microsoft FrontPage 4.0

Relazioni Pubbliche

Umbria

?

Pagina apposita di indirizzi

Val d'Aosta

? ma anche Microsoft FrontPage 3.0

Info

Veneto

?

Webmaster


In estrema sintesi: un programmatore solitario (con un personal computer) che propone sé stesso (webmaster) come prima interfaccia per l'utente. Ma gli URP dove sono?
A questo si aggiunge che praticamente nessuno usa gli "ALT", i "longdesc" né i "doctype". Qualche sito NON ha la versione testuale e qualcun altro (non pochi) dice esplicitamente di utilizzare solo frames. C'è persino chi si preoccupa di segnalare il copyright ma scrive il suo html ignorando i problemi non secondari indotti da un'interfaccia mal progettata.

La verifica, quindi, da' un quadro complessivo abbastanza sconfortante. Evidentemente il problema dell'accessibilità non è sentito né dagli informatici addetti né dai loro responsabili. O, meglio, trattandosi di siti nati qualche tempo fa, pur in presenza di una qualche consapevolezza sul problema, che si vede in qualche pagina "recente", risulta evidente che una sia pur minima forma di investimento (o di spesa) per riprogettare e ridisegnare il sito non viene presa in considerazione.

Magari qualcuno ritiene che sia troppo costoso a breve, anche se poi risulterà molto -ma molto più- complicato e costoso a lungo.

Suggeriamo caldamente di accedere al sito che si occupa de "La qualità e l'accessibilità dei siti web delle pubbliche amministrazioni", dove è reperibile una interessante "Checklist per la riprogettazione di un sito web"di grande utilità per chi volesse cominciare a ri-pensare il proprio servizio in termini di accessibilità.

(pagina aggiornata al 23.06.2000)

 
   
   
 
Cornice di chiusura