Centro di Coordinamento degli Enti Territoriali Forum per la Società dell'Informazione Barra del titolo
 
Piano 2000
Documento 1999
 
Gruppo di lavoro
Segnalazioni stampa
Statistiche
 
   
 
  Mappa del sito

      Curiosità Novità  
   
 Piano 2000 - Accessibilità alle informazioni della P.A.
 
  Barra lateraleCompetenze e referentiForma organizzativaObiettiviAttivitàBudget 2000Consuntivo 1999

 

World Wide Web Consortium

Il World Web Wide Consortium (W3C) è un consorzio internazionale, non a fini di lucro, cui partecipano più di 375 organizzazioni, che promuove l'evoluzione, l'interoperabilità e l'universalità dei Web. Tra l'altro è un buon esempio di lavoro cooperativo, a livello planetario.

W3C opera con il supporto del MIT negli USA, dell'INRIA in Francia, di Keio in Giappone, ha uffici in otto paesi e si occupa di quattro argomenti principali correlati con la tecnologia dei Web: l'Architettura, l'Interfaccia Utente, la Tecnologia in rapporto con la Società, l'Iniziativa per l'Accessibilità (WAI), producendo, per ognuno di questi, documentazione di supporto, suggerimenti e "raccomandazioni" a più livelli di ufficialità e di consolidamento.

L'Iniziativa per l'accessibilità (WAI) è un dominio che interseca tutti gli argomenti trattati da W3C ed è sponsorizzato da un certo numero di Governi e di Industrie tra cui: la US National Science Foundation, l'US Department of Education's, il National Institute on Disability and Rehabilitation Research, il DG XIII dell'Unione Europea, il Programma di applicazioni telematiche per disabili e anziani del Governo del Canada ma anche la IBM, la Microsoft, la Bell Atlantic ed altri.

Poiché l'accessibilità dei WEB è un problema con molte facce, l'approccio del WAI si articola su 5 livelli di lavoro:

  1. assicurare che la tecnologia del Web supporti l'accessibilità, in termini di coordinamento con altri gruppi di lavoro del W3C per assicurare che lo sviluppo tecnologico tenga conto dei problemi suddetti. In particolare, in questa fase, HTML 4.0, CSS2, SMIL, MathML. Inoltre WAI contribuisce alle aree relative a: accessi da teminali mobili, XML, SVG, SYMM, DOM, P3P ed altro;

  2. sviluppare standard e linee di sviluppo per l'accessibilità, per spiegare e diffondere le migliori modalità d'uso delle tecnologie Web per creare siti accessibili. Sono stati prodotti finora tre documenti inerenti linee di sviluppo:

    • Web Content Accessibility Guideline v 1.0, che è arrivata allo stadio della "raccomandazione ufficiale" nel Maggio 1999, e che descrive le tecnologie a uso degli sviluppatori di siti e degli autori di pagine web;

    • Authoring Tool Accessibility Guideline v 1.0, che è arrivata allo stadio della "raccomandazione ufficiale" nel Febbraio 2000, e che è un supporto per la creazione di contenuti accessibili con strumenti di conversione da editor WYSIWIG e da strumenti che generano pagine web dinamicamente a partire da database;

    • User Agent Accessibility Guideline v 1.0, che è arrivata allo stadio della "raccomandazione proposta" nel Gennaio 2000, e che propone suggerimenti sulle tecniche di progettazione dei browser, anche multimediali, e le tecnologie di supporto, l'interfaccia utente, livelli di priorità. Suggerisce inoltre anche dettagli di implementazione.

  3. sviluppare strumenti per valutare e facilitare l'accessibilità, attraverso due gruppi: uno di interesse e l'altro di lavoro, che coordinano la discussione e lo sviluppo di strumenti software per facilitare l'accessibilità. Le aree di lavoro principali sono:

    • valutazione dell'accessibilità di specifici siti;

    • coordinamento con gli sviluppatori di sistemi come CAST's Bobby;

    • sviluppo delle linee guida sulle Tecniche di Valutazione e Implementazione di Siti accessibili;

    • sviluppo di strumenti di reporting per la revisione manuale di siti.

  4. condurre momenti formativi e di ricerca specifici per produrre materiali e promuovere momenti di discussione seminariali sull'accessibilità, tra cui: materiali di tipo promozionale generico, riferimenti tecnici, materiali dimostrativi, "quick tips" (da vedere!), collegamenti alle politiche dei vari Paesi, eccetera.

  5. coordinarsi con chi svolge ricerca e sviluppo nel settore, ospitando forum di discussione su informazioni e idee sulle ricerche importanti, approfondendo le linee di tendenza delle tecnologie, collaborando con progetti di ricerca per promuovere la capacità di affrontare i bisogni dell'accessibilità e contemporaneamente trarne benefici per tutti i tipi di utenti, promuovendo ricerche che affrontino in modo specifico le necessità di strumenti di sviluppo o le particolarità delle interfacce utente.

Per saperne (e farne) di più:

  1. visitate il sito del WAI per avere una visione generale delle risorse disponibili;

  2. verificate se il vostro sito web è "accessibile" usando la lista di controllo e gli strumenti di valutazione suggeriti;

  3. rendete accessibile il vostro sito Web usando le indicazioni del Web Content Accessibility Guideline v 1.0;

  4. assicuratevi che i vostri browser e gli strumenti di costruzione delle pagine producano informazioni accessibili, usando User Agent Accessibility Guideline v 1.0 e Authoring Tool Accessibility Guideline v 1.0;

  5. partecipate ai gruppi di discussione WAI e (meglio) spingete la vostra organizzazione a partecipare al W3C;

  6. aiutate a distribuire i materiali del WAI tramite il vostro web o con diffusione diretta;

  7. traducete i materiali del WAI (ove la traduzione non esista già) e diffondeteli;

  8. date visibilità al vostro impegno sull'accessibilità usando il logo del WCAG sul vostro sito e linkando la home page del WAI;

  9. verificate se ci sia un qualche progetto nella vostra organizzazione sull'accessibilità dei Web;

  10. sponsorizzate le attività del WAI.

 

(pagina aggiornata al 19/04/2000)

 
   
   
 
Cornice di chiusura